Le attività
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
  • Foto di alcune attività svolte
Area riservata



Ricerca nel sito

Relazione occupazione pacifica della Sala Stampa Regione Abruzzo a Pescara.

Il 23 settembre 2012, dopo sette lunghi anni di richieste e lotte, la Regione Abruzzo approva all’unanimità la Legge n°57 –Interventi Regionali per la Vita Indipendente-. Il finanziamento iniziale era di 200.000 euro, negli anni 2013 e 2014 per varie ragioni la Legge non trova finanziamenti. Con la nuova Giunta PD del Governatore D’Alfonso ci aspettavamo, finalmente, un adeguato finanziamento come tra l’altro erano i patti. Venuti a conoscenza, dall’assessore alle Politiche Sociali Marinella Sclocco, che nella previsione della finanziaria 2015-2017 la Regione avrebbe finanziata le L. R. n.57/2012 con una somma di 200.000 euro ci siamo sentiti traditi e offesi in quanto le nostre aspettative erano ben altre. A questo punto abbiamo deciso di fare una protesta pacifica il 15 dicembre 2014 il sottoscritto, Responsabile del Movimento Vita Indipendente Abruzzo, insieme ad altre tre persone con grave disabilità ci siamo recati ad un incontro con il Consigliere Bracco nella sala stampa della Regione Abruzzo di Viale Bovio a Pescara e ci siamo incatenati alle nostre carrozzini occupando di fatto la sala, l’occupazione è durata sei giorni. Con questa eclatante protesta, prima volta in Abruzzo, dopo lunghe trattative siamo riusciti ad ottenere dal Consiglio Regionale una Risoluzione d’urgenza dove tutti i consiglieri all’unanimità approvava la mozione presentata dal Consigliere Bracco dove la Regione si impegna a stanziare nel 2015 la somma di un milione di euro ottenendo così una buona base di partenza per i progetti di V.I. in Abruzzo. Il 23 dicembre 2014 con l’approvazione della finanziaria 2015 è stata assegnata la prima parte del finanziamento di 400.000 euro, a Marzo 2015 con la scadenza della presentazione delle domande per i progetti di V.I. sarà messa a disposizione il resto del finanziamento in modo tale che a graduatorie fatte, secondo i tempi di legge, a maggio 2015 si potrà procedere ad assegnare i progetti ai primi aventi diritto. A conclusione possiamo dire che il risultato è stato ottimo, sicuramente ci sono molte altre cose da definire come ad esempio la modifica di alcuni articoli della legge in quanto abbiamo notato, dopo l’assegnazione dei primi tredici progetti assegnati con il finanziamento iniziale, che ci sono delle inesattezze nel valutare e quindi assegnare il progetto perché non basta avere una grave disabilità ma occorre anche tener conto della situazione famigliare e le aspettative che il richiedente vuole avere con il progetto.

Lanciano, 27.12.2014

Nicolino DI DOMENICA

Responsabile Movimento Vita Indipendente Abruzzo

Vice Presidente AIAS sezione di Lanciano Onlus

Delegato Fish per l'Abruzzo

Recapiti:

Cont.da Villa Andreoli, 374/B - 66034 - Lanciano -Ch.-

Cell. 3280213632 abitazione 0872-716881

e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Posta Certificata.: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

Vita Indipendente: Diritto di scelta - aggiornamento 2010.

di Cinzia Di Sebastiano

Deluse le aspettative dell’Associazione A.I.A.S. Sezione di Lanciano Onlus e di alcuni disabili di Lanciano che, nella seduta conclusiva di ieri pomeriggio, seduta di concertazione per l’elaborazione dei contenuti da promuovere in favore della non autosufficienza, hanno vista bocciata la loro proposta di avviare in modo sperimentale alcuni progetti di Vita Indipendente.

Leggi tutto...

 
A.I.A.S. SEZIONE DI LANCIANO ONLUS

L'AIAS (acronimo di Associazione Italiana per l'Assistenza agli Spastici) Sezione di Lanciano Onlus è una delle prime associazioni di volontariato e di promozione sociale. La sede nazionale è nata nel lontano 1954 e la nostra sezione frentana invece è stata costituita nel 2000. L'AIAS è un'associazione di volontariato nata grazie alla volontà di alcuni professionisti e familiari con congiunti con disabilità. I servizi offerti dalla nostra associazione sono rivolti prevalentemente ai soci della stessa. I soci possono essere persone con disabilità in generale, persone svantaggiate, operatori del settore e quanti hanno interesse nelle tematiche relative l'handicap, lo svantaggio, il settore del sociale e della terapia. Il territorio di riferimento della nostra Associazione è quello della ASL Lanciano Vasto ma anche in generale il territorio della Provincia di Chieti. Varie sono le finalità dell'Associazione, tra queste le più importanti sono la tutela dei diritti delle persone svantaggiate; la possibilità di usufruire di terapie nuove ed alternative in grado di migliorare la qualità della vita della persona svantaggiata e della propria famiglia; la promozione di una nuova "cultura dell'handicap, della solidarietà e dell'integrazione", una cultura che sia inclusiva e non solo assistenziale.

L'Associazione infatti, svolge attività specifiche affinché venga riconosciuto alle persone con disabilità il diritto di vivere nel proprio nucleo familiare quale luogo naturale e privilegiato dell'affetto e dell'amore per ogni persona.

Dalla nostra esperienza possiamo infatti confermare che la presenza di una persona disabile in famiglia e in società, può fornire numerosissimi stimoli per un arricchimento umano, morale e sociale sia per la persona con disabilità sia per i "normodotati". Al fine di promuovere un effettivo inserimento socio - lavorativo della persona in situazione di disabilità, l'AIAS promuove ed organizza attività socio - educative, socio - riabilitative, socio - occupazionali e di inserimento lavorativo. Tra queste le più importanti sono sicuramente l'AIU (Allenamento ad Integrazione Uditiva secondo la Metodologia Guy Bèrard); Attività di Acquaticità "Nuotabile"; Attività di Apprendimento conoscitivo e delle autonomie; Comunicazione Aumentativa Alternativa; Counselling Psicologico; Educazione Equestre; Musicotarpia; Orizzonte Handicap – Centro di Educazione Informazione e Documentazione per l'Handicap; Valutazioni Fisiatriche e Neurologiche secondo la metodologia Bobath; Valutazioni Neurologiche secondo la metodologia INPP (Istituto per la Neurofisiologia e Psicologia di Chester UK); promozione di giornate studio e convegni al fine di informare e migliorare la culturale di quanti interessati alle tematiche proposte dalla stessa Associazione.

Per informazioni e per contatti rivolgersi a:

Associazione A.I.A.S. Sezione di Lanciano Onlus

C.da Serroni 43 H

66034 Lanciano (Chieti)

e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. sito web: www.aiaslanciano.it

Telefono: 333-8981538 fax: 0872-719328

C.F.: 90019840694

Iscritta al Registro Regionale delle Associazioni di Volontariato della Regione Abruzzo dal 2003 al presente.